Ti senti spesso blu? Forse è perché non sei soddisfatto della tua situazione finanziaria? O forse è perché sei molto stanco dopo il lavoro? Prima di tutto, ovviamente, devi riposare. Ti consiglio il sito dove riceverai l’enorme afflusso di adrenalina nel sangue. Non sarai indifferente al gioco sciccoso casino bonus ohne einzahlung. È solo un tesoro per chi ama i giochi. Ma se vuoi qualcos’altro posso tirarti su di morale. Ci sono molte slot sul sito web, quindi in ogni caso ognuno troverà un gioco per se stesso. Qui non solo ti divertirai durante il processo di gioco, ma potrai anche vincere molti soldi e prendere enormi premi.

Andare a Tartufi in Campania con il Lagotto Romagnolo

Inserito da Angelo 12 febbraio 2011

prodotti tipici laceno 300x228 Andare a Tartufi in Campania con il Lagotto RomagnoloOltre alle escursioni naturalistiche intese come passeggiate alla riscoperta del fascino della nostra madre natura, oltre alle escursioni storiche che offrono al visitatore spettacoli di un passato lontano cosi affascinante, la nostra associazione da poco si è avvicinata all’escursione tematica-lavorativa. Iniziando dall’autunno dello scorso anno infatti , abbiamo cercato di avvicinare il turista alla natura facendogli vivere l’esperienza della vita diretta sui monti. Tutto è iniziato con la semplice e piacevole escursione alla ricerca delle fragoline di bosco, un prodotto eccezionale e di qualità che sui monti picentini e sugli alburni (soprattutto tra Acerno – Laceno e Sicignano-Petina) abbonda in tutta la sua bellezza.
Durante il periodo estivo poi, le escursioni sono proseguite alla ricerca dei lamponi, delle more, dei funghi e dell’origano.
Ma, l’iniziativa più interessante e soprattutto più particolare si è avuta in autunno con l’apertura della stagione del tartufo nero di Bagnoli Irpino (tuber mesentericum vitt.)
Il Tartufo, da sempre fungo ipogeo apprezzatissimo e ricercatissimo è diventato un vero e proprio elemento di innovazione che ha saputo unire la gastronomia locale alle bellezze della natura. Affinchè il turista fosse portato nel mezzo dei Picentini e accompagnato alla scoperta del mondo magico del cavatore , ci siamo affidati ad esperti cercatori e soprattutto ad un cane in particolare: il Lagotto Romagnolo.
Dopo questa spiegazione delle nostre iniziative turistiche-gastronomiche-naturalistiche , volevamo porre l’attenzione su questo scritto che ci fa rivivere le emozioni della cerca del tartufo.

“L’attimo esatto in cui il sole fa capolino dalle montagne è quello giusto in cui si respira tutta la vita del mondo. Ascolti il fascino della bellezza, la natura, il suo risveglio e nel contempo nasce in te la voglia di esplorare. Per un tartufaio, un fungaiolo, un escursionista la montagna è uno stile di vita, un modo di essere, uno status. Conoscere le piante, i fiori, le erbe, i venti; appassionarsi al passare delle staglagotto romagnolo tartufi 300x225 Andare a Tartufi in Campania con il Lagotto Romagnoloioni; osservare gli uccelli migrare. Il convivo di sapienza e di esperienza che nell’anima di chi cammina si accresce di contenuti ad ogni nuova uscita.
Dirò senza rimorsi, a chi magari reputa il passeggiar per tartufi un lavoro e non una passione, che questa nobile attività è forse ciò che più naturale e soddisfacente si possa ricercare nella montagna. E cosi, partendo prima dell’attimo descritto agli inizi, parte l’avventura dei boschi. Il mio Lagotto Romagnolo mi aspetta nel suo angolino e mi guarda pronto a saltare in macchina, la mia grinta e il mio desiderio di calpestare un manto di foglie secche e l’arrivo finalmente nelle faggete.
Ricordo di ogni mattina è quel rumore d’acqua che accompagna la mia partenza , quelle sorgenti che osservo cascare dai valloni , dove esemplari antichi di tasso baccato ti ammoniscono, quasi a volerti negare l’accesso.
Il Lagotto si allontana, scalpita, inizia a fiutare, si gira e si rigira nell’aspettare un tuo cenno…e cosi iniziamo il nostro percorso. Ripido sentiero, faticoso attimo di avviamento, eppure il mio caro lagotto si inerpica scivolando nel fogliame e divertendosi a correre come un forsennato. In quegli istanti, alla vista dei boschi di Ontano che lasciano spazio alla pura faggeta, la mia voce richiama il mio fido compagno e la incita alla cerca. – Trova!- esclamo con decisione e a bassa voce, e cosi intravedo in quel batuffolo di pelo un’energia innata. Lo osservo correre sulle diagonali, alzare il naso verso l’alto muovendolo a destra e sinistra. Si ferma, assapora l’aria e quando scodinzola in poco tempo è in un angolino di terreno che ha individuato. Cane formidabile il Lagotto Romagnolo, capace di percepire le particelle del fenolo a distanze ragguardevoli, con una facilità di individuazione e una cerca allegra e spensierata che lo porta con uno scatto rapido a scendere in un vallone.
Difficile seguirlo in quegli scatti d’orgoglio, eppure a distanza lo osservo con riverenza e mi appassiona vederlo fermarsi di colpo e restringere il campo, finchè il cuore batte a vedere la sua testa puntare il terreno e le sue zampe scavare.
Saltano le foglie, salta il terreno e comincio ad udire anche il rumore dei suoi denti su radici invadenti. Non posso avvicinarmi, rischierei di scivolare e in quell’attimo spero con tutto il cuore che cacci qualcosa dal terreno. E’l’istante più emozionante e un cavatore lo conosce bene.
DSCN3530 300x174 Andare a Tartufi in Campania con il Lagotto RomagnoloLo scavo è abbastanza profondo, sembra quasi che sotto terra non ci sia niente, eppure, quando ferma il suo lavoro, alza la testa e fra i suoi baffi spunta il tartufo, stretto fra i suoi denti. Il momento è magico, per le prime volte si teme che il cane possa divorare il tartufo, ma la sinergia tra il cavatore e il lagotto romagnolo (come per ogni altra razza, ma si sa, ognuno ama il suo cane) è pura, è forte. Con la preda nel suo muso si dirige con passo arzillo e cavalcante verso di me, io mi sposto in un luogo pianeggiante e al suo arrivo vedo cadere uno splendido esemplare di tuber mesentricum vitt, il tartufo nero di Bagnoli Irpino. Non è grandissimo, peserà all’incirca 60 g, ma siamo solo all’inizio e la soddisfazione è massima.
Continuando a seguire le imprese del Lagotto, mi accorgo che la montagna mi passa affianco con tutta la sua particolare bellezza e noto che in semplici escursioni mai avevo raggiunto questi luoghi e mai mi sarei soffermato su piccoli dettagli. Invece seguendo l’istinto dell’amico romagnolo,mi accorgo che oltre alla ricerca del tartufo riesco ad esplorare luoghi che probabilmente da solo non avrei mai cercato.
Allora diventa simbiosi perfetta con il mondo circostante e un agrifoglio, un acerno, un cerro, un nocciolo dimostrano la loro unicità che sembrava omologata a manuali e a indicazioni dottrinali.
Il ritorno è ormai alle porte, ho camminato tanto, mangiato al fresco di una roverella lungo il corso di una sorgente, la raccolta non è stata eccezionale…ma cos’è di più eccezionale della montagna epigea ed ipogea scoperta con l’ausilio di un fedele amico che rappresenta la guida più naturale e spontanea per la mia voglia di conoscenza!? La risposta è ovvia e scontata…”

Angelo Mattia Rocco

share save 171 16 Andare a Tartufi in Campania con il Lagotto Romagnolo